Quanto guadagna un imprenditore ? Tutti i segreti

Quanto Cash fa un imprenditore

Svuoto il sacco e ti svelo quanto guadagna davvero un imprenditore. Trucchi e segreti che nessuno ti ha mai detto prima di iniziare a fare questo lavoro.

Prima di partire, come in ogni articolo, semmai fossi capitato qui la prima volta voglio presentarmi: Sono Enrico e di lavoro trasformo idee innovative in aziende. 
Mi occupo principalmente di start up digitali, oggi gestisco 7 attività e ho scoperto che per diventare un #businesscreator le cose da fare sono molto distanti dalle teorie da palco che i “guru” ti raccontano.

Fare l’imprenditore è oggi il sogno di tanti giovani perché spesso si associa questa professione a guadagni alti. Ma sai davvero cosa fa un imprenditore e quanto guadagna? Lo scopriremo insieme in questo articolo dove ti svelerò tutti i segreti su questo argomento. 

Inoltre, parleremo degli imprenditori che operano nel campo delle start up, i nuovi imprenditori e potrai capire come funziona questo tipo di business.

Per approfondire: Start up: quanto costa aprirne una e come fare?

Imprenditore: chi è e cosa fa in un’azienda? 

L’imprenditore è, nella sua definizione più semplice, la figura che gestisce un’azienda.

Ritengo che oggi, un imprenditore evoluto, dovrebbe essere in grado di gestire e maneggiare perfettamente i 3 ingranaggi che compongono la propria impresa:

Schermata 2019 07 21 alle 20.32.31

Viste queste premesse, stai capendo che non basta svegliarsi alla mattina e pensare: “oggi inizio un nuovo business!” per poter essere un imprenditore; prima servono conoscenze, skills, e idee molto chiare altrimenti il successo o il fallimento della tua idea sarebbero lasciati totalmente al caso (se vuoi saperne di più guarda questo video), e sarai d’accordo con me che un buon imprenditore deve essere in controllo su tutto ciò che può controllare senza lasciare niente al caso.

HAI UN'IDEA DI BUSINESS DA SVILUPPARE? Accedi al Webinar Gratuito!

45 minuti di altissimo valore con le nozioni che ti servono per trasformare una idea innovativa in fatturato e vendite. Approfondiremo quali sono le particolarità del mercato italiano e perché molto spesso quello che i corsi di formazione e i libri americani insegnano, in verità, se rapportate alla nostra realtà, sono la ricetta fallimentare. Se hai delle idee che vuoi trasformare in business, soprattutto se non sai da dove iniziare, questo webinar fa per te!

Anzi, quello che ti ho scritto è probabilmente il motivo per cui molti ci provano ma falliscono ancora prima di partire, pertanto mi auguro davvero che questo articolo e tutta la logica che sto portando avanti in tutti i miei canali social, in questo blog possa aiutare sempre più persone a vedere il mondo dalla parte giusta.

Anche su questo argomento “dell’essere imprenditore” ci sono una valanga di mistificazioni tipo influencer e networker che credono di essere imprenditori quando il loro ruolo è completamente un altro, ben distante dall’essere un imprenditore.

E… no, non centra quanto guadagni, centra come lo fai, perché io stesso sono arrivato ai vertici mondiali dell’industria del network marketing, e quando ero un networker a tempo pieno e dovevo ancora iniziare a fare l’imprenditore, ero convinto che stessi operando come imprenditore, ma poi ho scoperto che non era così, anzi mi sbagliavo di grosso.

Se vuoi accedere a dei contenuti speciali per imprenditori evoluti clicca qui.

Tornando a noi, il ruolo chiave di un imprenditore all’interno di un’azienda è quello di prendere tutte le decisioni più importanti come, ad esempio, scegliere i collaboratori, pianificare gli investimenti e organizzare il lavoro. Ovviamente le mansioni di un imprenditore cambiano in relazione alla grandezza e alla complessità organizzativa di un’azienda ma in ogni caso è lui che prende le decisioni, possiamo dire che è quello che ci mette sempre la faccia. 

Ogni volta che si prende una decisione l’imprenditore a capo di un’azienda deve assumersene i rischi e questo può provocare molto stress. Ecco perché non ci si può improvvisare imprenditori, bisogna avere una formazione adeguata e conoscere bene il mercato nel quale si investe

Come potrai capire, fare l’imprenditore non è un lavoro facile, se devo descriverlo con una metafora è come essere sulle montagne russe, dove un giorno sembra di toccare il cielo con un dito, e il giorno dopo crolla tutto, e tu vieni sbattuto su e giù alternando momenti di esaltazione, a incazzature clamorose, delusioni, grandi successi, problemi, gratificazioni etc..

Quanto guadagna un imprenditore?

Rispondere a questa domanda non è semplice perché la retribuzione di un imprenditore dipende sempre dalla tipologia e dalla grandezza dell’azienda che dirige, se ne ha più di una e quale sia stato il suo investimento iniziale. 

Ci sono veramente tanti fattori da considerare e non è facile dirti una cifra sicura. Però possiamo stabilire una retribuzione media annua Italiana (da statistiche) dove una partita iva guadagna in media dai 25 mila ai 50 mila euro all’anno, quindi cifre molto distanti da quello che la gente cerca di raccontare dai loro fake post su instagram.

Immagino che, se sei ambizioso e lungimirante quanto lo sono io, stai pensando che tutto lo sbattimento di diventare imprenditore, imparare tante cose, prendersi rischi e poi non poter ambire a guadagnare così tanto da svoltare la propria vita sia qualcosa per la quale non ne vale la pena, ma qui ti sbagli di grosso.

Infatti, se vai a leggere ed analizzare la classifica delle persone più ricche al mondo di Forbes ti rendi immediatamente conto che li dentro non ci sono dropshipper, networker, forex trader, crypto enthusiast, formatori, social media guru, marketing expert ma solo imprenditori e investitori.

Detto questo, se il tuo obiettivo è quello di pensare in grande, ma veramente in grande, la strada dell’imprenditoria è l’unica via percorribile.

Se vuoi saperne di più sull’acquisire una mentalità imprenditoriale clicca qui.

Quanto si guadagna con una start up in Italia?

Fin ora abbiamo parlato di imprenditoria tradizionale, ma come ben saprai oggi la maggior parte delle nuove imprese sono start up e la domanda più frequente è: quanto guadagna il founder di una start up?

Come una qualsiasi altra impresa, aprire una start up richiede tanta preparazione, fatica e denaro da investire. Infatti, soprattutto all’inizio, chi fonda una start up non avrà dei guadagni altissimi anche perché devi tener conto che gran parte dei proventi serviranno per alimentare lo sviluppo della tua azienda.

Anche per il mondo delle start up, stabilire quando guadagna un founder non è facile e non c’è una risposta che va bene per ogni tipo di azienda. Molto dipende dal campo in cui opera una start up, dalle capacità di farla crescere e da come viene recepita nel mercato.

Se vogliamo però fare una media annua, la cifra non si discosta molto da quella relativa ai guadagni di un imprenditore tradizionale. Il founder di una start up guadagna tra i 20 mila e i 40 mila euro annui all’inizio della sua carriera. Inizialmente non sembrano guadagni molto alti ma per le start up innovative non è facile iniziare. Il fatturato di una start up all’inizio deve fare i conti con le spese dell’investimento iniziale che sono sempre abbastanza alte. Ovviamente, se la start up avrà successo i guadagni possono aumentare moltissimo. Oggi esistono start up che fatturano anche più di diversi milioni all’anno.

La media che abbiamo stabilito, tuttavia, è relativa ai guadagni del CEO di una start up in Italia ma in altre parti del mondo la media aumenta moltissimo.

Un’analisi di Crunchbase.com (https://about.crunchbase.com/blog/startup-ceo-salary/) su 101 start up è riuscita a stabilire una media annua dei guadagni dei loro CEO. Il salario sia aggira sui 280 mila euro annui. Sembrano molti e questo dato in non lo consideri significativo. Invece, una ricerca di thenextwe.com (https://thenextweb.com/insider/2014/01/14/salary-founder-favorite-startup-get-probably-high-one/) svolta su più di 11 mila start up ha evidenziato che il 66% dei founder di start up americani guadagna circa 50 mila dollari annui e che solo poco più di 300 ne guadagna oltre i 170 mila. Questa analisi mi sembra molto più realistica perché eseguita su un campione più ampio ed effettivamente descrive come molti sono in grado di fondare una azienda ma pochi, sono capaci di scalarla e portarla a crescere in modo esponenziale.

Se vuoi scoprire qualcosa di più sul mondo delle start up o se stai pensando di fondarne una, ti lascio alcuni link interessanti di contenuti che ho realizzato appositamente: 

Guarda l’elemento del successo di una start up!

C’e’ Mercato per la mia idea di business?

Start up digitale: cos’è, perché e come avviarne una subito

Start up: quanto costa aprirne una e come fare?

Commenti

commenti

Leave a Reply