Analisi SWOT e TOWS: cosa sono, come si fanno e le differenze?

In questo articolo voglio parlare dell’ analisi SWOT in modo differente rispetto a quanto viene intesa generalmente; personalmente ritengo che questo metodo può diventare può diventare un importante strumento decisionale per un imprenditore, uno start upper o un manager in tantissime situazioni aziendali.

Ho già parlato di questa pratica nella sua accezione di marketing in questo articolo dove parlo di come strutturare un piano marketing per una Start Up, ma qui voglio farti capire come personalmente lo uso e come si dimostra utile in tantissimi aspetti della vita un “business creator” come:

  • Prendere decisioni strategiche
  • Comprovare strategie
  • Verificare l’effettività di una scelta
  • Prevedere rischi connessi a decisioni
  • Pianificare contromosse ad effetti collaterali

Ti ricordo che se vuoi aprire una start up, quindi se sei uno startupper non puoi proprio perderti questo articolo. 

Ma perché dovresti fidarti proprio di me?

Prima di partire, come in ogni articolo, semmai fossi capitato qui la prima volta voglio presentarmi: Sono Enrico e di lavoro trasformo idee innovative in aziende. 
Mi occupo principalmente di start up digitali, oggi gestisco 7 attività e ho scoperto che per diventare un #businesscreator le cose da fare sono molto distanti dalle teorie da palco che i “guru” ti raccontano. 

Alla luce di questo ti posso tranquillamente dire che queste analisi sono la mia quotidianità da diversi anni, e quindi posso portarti diverse pieghe applicative e pratiche che sui libri difficilmente potrai trovare, oltre a questo voglio integrare la suddetta analisi con uno step che riuscirà a portarti maggiormente in profondità sulle tue analisi: la TOWS analisi

Scopriamo cosa sono, come si fanno e qual è la differenza principale

Iniziamo? 

HAI UN'IDEA DI BUSINESS DA SVILUPPARE? Accedi al Webinar Gratuito!

45 minuti di altissimo valore con le nozioni che ti servono per trasformare una idea innovativa in fatturato e vendite. Approfondiremo quali sono le particolarità del mercato italiano e perché molto spesso quello che i corsi di formazione e i libri americani insegnano, in verità, se rapportate alla nostra realtà, sono la ricetta fallimentare. Se hai delle idee che vuoi trasformare in business, soprattutto se non sai da dove iniziare, questo webinar fa per te!

Analisi SWOT: cos’è ? 

L’analisi SWOT, o matrice SWOT, è uno strumento utile per ogni imprenditore o startupper. Si tratta di un modello di analisi certificato che aiuta in modo semplice ed efficace ad individuare 4 aspetti fondamentali su una decisione che si vuole prendere: punti di forza, debolezze, opportunità e minacce

Il nome SWOT deriva dalla terminologia inglese, infatti in questa analisi si osservano: Strenght (punti di forza), Weaknesses (punti deboli), Opportunities (opportunità) e Threats (minacce o problemi). Da questi 4 termini deriva l’acronimo SWOT

Chi ha inventato l’analisi SWOT?

L’invenzione di questo schema analitico è attribuita a Albert Humphrey, economista statunitense. Nell’ambito di un progetto con l’Università di Stranford alla fine degli ani ’60, mise a punto questo schema ancora oggi unto di riferimento nel mondo del business. Come vedi è uno schema di analisi abbastanza vecchio, ma ad oggi non è stato ancora superato e proprio da questo puoi carpirne l’efficacia. Quindi se ancora non hai fatto un’analisi SWOT sul tuo business continua a leggere questa guida, applica i miei consigli per farne una perfetta!

A cosa serve l’analisi SWOT?

L’analisi SWOT ha come scopo principale quello di aiutare un imprenditore o uno startupper (non sai qual è la vero differenza tra le due cose? Leggi la mia Guida imprenditore VS startupper) a prendere la giusta decisione sul proprio business. Se si hanno degli obiettivi da raggiungere non ci si può sempre affidare al caso o solo all’intuito imprenditoriale, bisogna avere degli schemi decisionali fissi, come appunto la matrice SWOT. Serve anche a valutare i pro e i contro di una nuova idea che riguarda la tua azienda o la tua start up, come il lancio di un nuovo prodotto. 

Io, ad esempio, uso questo schema nella lavagna, scritto bello in grande di modo che posso avere un riscontro grafico di quello che sto scrivendo.

Questa analisi riguarda in particolare 4 elementi che a loro volta si possono dividere in elementi esterni e elementi interni, ma questa suddivisione la vedremo tra pochissimo. La cosa fondamentale da sapere adesso è che la SWOT ti aiuta a focalizzare i tuoi obiettivi e capire cosa potrebbe ostacolarti nel loro raggiungimento. Più utile di così? Devi imparare ad usarla al meglio per sfruttare il più possibile il suo vantaggio. 

Analisi SWOT: modello in italiano e elementi fondamentali

Sul web ci sono tantissimi modelli di analisi SWOT ma io te ne propongo uno semplice, essenziale e in italiano, che puoi scaricare, salvare sul tuo pc e usare con il tuo team in fase di analisi.

 Ecco il mio modello perfetto di Analisi SWOT:

WhatsApp Image 2021 06 19 at 11.02.35 1

Ora che sei pronto ad iniziare un’ analisi SWOT, ricorda che stiamo parlando fondamentalmente di un’analisi del contesto in cui la tua azienda o la tua start up  si colloca. Tu conosci lo scenario in cui la tua azienda opera? Conosci i competitor e i fattori esterni che la potrebbero influenzare? Se queste cose ti sono ancora oscure ti consiglio di prendere parte a questo percorso avanzato: go to starter.

Patendo dalla SWOT analisi potrai scoprire e mettere nero su bianco tutte queste informazioni importantissime. Se poi vuoi approfondire il tuo lavoro e avere un quadro veramente completo devi redigere un piano di marketing, del quale la SWOT è una parte importantissima. 

Ma torniamo sul nostro focus. Come abbiamo già detto l’analisi SWOT è composta da 4 elementi, due interni e due esterni. Te li spiego meglio. 

I 4 elementi dell’analisi SWOT

Nel dettaglio, i 4 elementi che compongono questa analisi sono: 

  • Punti di forza/ Strong: INTERNO > Posto che devi prendere una decisione: devi considerare tutti quegli elementi interni all’azienda o alla start up che possono essere considerati positivi. Per esempio, un punto di forza potrebbe essere il prezzo competitivo (nel caso in cui stai ragionando su politiche di pricing), la facile reperibilità di un prodotto o la qualità superiore rispetto a quello che già si trova sul mercato (ecco perché volevo dirti che è fondamentale conoscere i competitors);
  • Punti di debolezza/ Weakness: INTERNO > si tratta di elementi negativi che possono scaturire nel prendere una determinata decisione. Questi aspetti potrebbero rallentare il tuo business nel raggiungimento degli obiettivi che ti sei fissato e demotivare il tuo team. Per esempio, una strategia di marketing errata che non porta nuovi lead o una disorganizzazione nella distribuzione potrebbe essere punti di debolezza interni di un’azienda; 
  • Opportunità/ Opportunity: ESTERNO > sono tutti quegli elementi, a vlte del tutto casuali e fortuiti favoriscono lo sviluppo della tua azienda. Ad esempio, azzeccare un trend di stagione o ricevere un riconoscimento di qualità da enti esterni, potrebbe farti raggiungere più velocemente gli obiettivi; 
  • Minacce/ Threat: ESTERNO > sono, purtroppo, elementi esterni che possono danneggiare la tua azienda o la tua start up. Essendo esterni non sono del tutto controllabili, ma grazie a questa analisi puoi imparare a prevederli e eventualmente elaborare una strategia di difesa.

Vediamo l’applicazione sul nostro schema di quello che abbiamo appena detto insieme. È un ottimo schema SWOT per start up.

WhatsApp Image 2021 06 19 at 11.02.35

L’analisi TOWS: cos’è?

Se già conoscevi la matrice SWOT (anche se un ripassino non fa mai male questa è la parte della mia guida che ti interesserà di più. Ti spiegherò cos’è l’analisi TOWS e quali sono le differenze tra i due modelli.

Partiamo dal canvas in italiano dell’analisi TOWS (scaricalo e usalo nel tuo piano di business!):

WhatsApp Image 2021 06 19 at 11.02.35 2

Ma cosa è l’analisi TOWS? Si tratta di uno schema di analisi alternativo, o meglio integrativo, dell’analisi SWOT. Sono presenti tutti i 4 fattori che abbiamo analizzato prima, ma grazie a questa analisi potrai scoprire le connessioni tra elementi esterni ed interni. 

In particolare, l’analisi TOWS ti permette di correlare i 4 fattori tra loro e riflettere ancora meglio su punti di forza, debolezze, opportunità e minacce relative al tuo business. Lo schema TOWS unisce i fattori in questo modo:

  1. PUNTI DI FORZA + OPPORTUNITA’ : analizza quali sono i punti di forza della tua decisione che ti permettono di sfruttare al meglio tutte le opportunità di business che ti si presentano;
  2. PUNTI DI FORZA + MINACCE: analizza quali sono i punti di forza che ti possono aiutare ad superare o eliminare le minacce esterne. Scoprirai che cosa far “scendere in campo” quando si presenta un problema;
  3. DEBOLEZZE + OPPORTUNITA’: analizza quali opportunità future puoi cogliere per colmare le debolezze interne. Si tratta di porre le basi analitiche ad un progetto di crescita e miglioramento per la tua azienda;
  4. DEBOLEZZE + MINACCE: analizza minimizzare le debolezze cercando comunque di non far insorgere nuove minacce per il tuo business. 

Come vedi una volta completata l’analisi TOWS avrai un quadro molto più completo su tutto quello che riguarda la tua impresa. Se sei un imprenditore lungimirante, questi schemi di analisi saprai sfruttarli al meglio. 

Differenza tra analisi SWOT e TOWS 

La differenza tra schemi di analisi SWOT e TOWS è che NON c’è una vera differenza! Sono uno l’integrazione dell’altro e solo facendole entrambe si può avere un quadro completo. Posso dire però che l’analisi TOWS deve sempre venire dopo perché senza una perfetta analisi SWOT non si può proprio fare. 

La differenza quindi, se proprio vogliamo trovarne una, è che può esistere una analisi SWOT senza una TOWS ma non viceversa. La seconda è strettamente conseguenziale alla prima.

Ricorda: il migliore imprenditore è quello che non smette mai di imparare. Proprio per te che ami il mondo del business, ho scritto il mio nuovo libro! 

Per approfondire: “7 shots per creatori di business” di Enrico Pisani : tutto quello che c’è da sapere sul mio nuovo libro!

Commenti

commenti

Leave a Reply